LA LINGUA DEGLI ANGELI

L'enochiano è conosciuto come il linguaggio degli angeli. Prende il suo nome da Enoch, personaggio biblico cui si attribuisce la capacità di parlare con gli angeli.

IL PADRE DEL'ENOCHIANO
L'inventore dell'Enochiano è però John Dee un eclettico scienziato con uno spiccato interesse per l'occulto, vissuto in Inghilterra fra il 1527 ed il 1608.
Dee ebbe un ruolo fondamentale nella corte dei Tudor come geografo, poiché fra il 1551 ed il 1583 fu consulente per tutte le spedizioni degli esploratori di corte. Egli infatti, avendo tradotto Euclide in Inglese, ne aveva applicato i principi geometrici alla navigazione.
Ma la fortuna a corte si deve anche alla sua abilità nel predire l'oroscopo. Elisabetta I Tudor gli conferì il titolo di Astrologo di Corte offrendogli una certa protezione ma non il "patronage" che egli avrebbe desiderato.
Infatti questo infaticabile visionario che ebbe una serie di incarichi accademici di riguardo, fu sempre sospettato di eresia. In particolare Dee fu accusato di aver attentato alla vita di Maria la Sanguinaria attraverso degli incantesimi. Elisabetta I, succeduta a Maria la Sanguinaria, affidò alla sua abilità divinatoria la scelta del giorno adatto alla cerimonia della incoronazione, ma volle mantenere sempre un atteggiamento cauto nei suoi confronti.
Dee viaggiò a lungo attraverso l'Europa collezionando una serie di libri, manoscritti ed oggetti di ogni genere che conservava nella sua casa di Mortlake on the Thames. Tutti questi tesori furono confiscati per ordine della regina a partire dal 1583. La collezione conteneva 4000 libri e 700 manoscritti che ora sono parzialmente conservati al British Museum.

GLI ESPERIMENTI DI MAGIA
Nel 1581 Dee inizio degli esperimenti di cristallomanzia dopo aver annotato nel suo diario che un angelo di nome Uriel gli aveva affidato un cristallo convesso fissando il quale avrebbe avuto delle visioni che gli avrebbero consentito di dialogare con il mondo dello spirito. La totale concentrazione sul cristallo consentiva effettivamente a Dee una serie di esperienze allucinatorie delle quali però perdeva immediatamente memoria. Fu per questo che chiese la collaborazione di un assistente, Edward Kelly, con il compito di trascrivere ciò che John Dee riferiva nel corso delle esperienze allucinatorie.
Si attribuisce a Edward Kelly la volontà di fare fortuna attraverso la credulità della gente e dello stesso John Dee, mentre quest'ultimo è ritenuto in buona fede, vittima della stessa curiosità che lo aveva guidato nella sua attività di scienziato. La fama che i due avevano guadagnato in tutta Europa spinse un nobile polacco, Albert Laski, ad invitarli a trasferirsi in Polonia per studiare la pietra filosofale. Di qui ebbe inizio la rovina di John Dee e Edward Kelly, cui miracolosamente John seppe sfuggire tornando in Inghilterra dove la regina Elisabetta ancora una volta gli offrì protezione. John Dee morì in miseria a Mortlake all'età di 81 anni.

L'ENOCHIANO
La lingua è rappresentata da 49 chiavi e 1000 distinte parole oltre a numerosi nomi di angeli. La lingua serviva ad invocare gli angeli ed a comunicare con loro. Di seguito riportiamo una serie di links utili per capirne di più e per avere maggiori informazioni sulla biografia del suo inventore.

LINKS UTILI